Gli occhi delle future mamme brillano come stelle

Gli occhi delle future mamme brillano come stelle. E questa è poesia… Ma nella realtà la gravidanza può provocare alcuni problemi alla vista.

Ecco allora, per tutte le future mamme, le rassicurazioni e i preziosi consigli del nostro Dott. Carones:

  1. Si sente spesso dire che in gravidanza la miopia aumenti. Leggenda urbana? No, a volte capita.
  2. Fate il pieno di ferro, adeguando la dieta o con una corretta integrazione, in modo da evitare problemi di messa a fuoco. Però niente “fai da te” (mi raccomando!) e rivolgetevi anche al ginecologo.
  3. Anche la secchezza oculare è un problema che può presentarsi. In questo caso, usare lacrime artificiali per una corretta idratazione della superficie corneale.
  4. Le lenti a contatto possono risultare più fastidiose. È il momento di rivolgersi all’oculista: per valutare l’opportunità di utilizzarne un tipo diverso oppure di sospenderne l’uso fino alla nascita del bebè.
  5. In gravidanza la retina è sottoposta a varie sollecitazioni, che possono comportare disturbi visivi quali ad esempio lampi improvvisi (possono essere dovuti a carenza di ferro o a piccoli sbalzi pressori). Nessun allarme! Quasi sempre sono fenomeni transitori. Ma fare un salto dall’oculista serve per valutare con precisione la situazione.

Di fatto, la gravidanza crea un po’ di caos all’intero organismo di una donna. Per questo vale la pena mettere in agenda qualche visita in più da chi ci può aiutare a mettere un po’ d’ordine. E a fare in modo che l’attesa sia davvero dolcissima 💫

Photo by Tawny Van Breda

I consigli del Dr. Carones

Hai già adottato questo consiglio?

Condividi con noi i tuoi suggerimenti!

9 + 3 =

CARONES Vision tratta i suoi dati secondo quanto disposto dal REG. UE 679/2016. Per la consultazione della privacy policy e la prestazione del consenso al trattamento dei dati, cliccare qui.

AVVERTENZA

Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo. In nessun caso rappresentano una diagnosi o costituiscono la prescrizione di un trattamento. Non intendono e non devono comunque e in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o una visita medica specialistica. Raccomandiamo di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo a qualsiasi indicazione riportata.